23 • ottobre • 2020

Breaking News:

Alessandro Cochi

Roma ed i romani hanno vissuto quest’anno grandi momenti di sport conciliando eventi di risonanza mondiale ed attività dedicate allo sport di base. Da uomo politico e impegnato nelle istituzioni, ritiene sia questa la strada da seguire?
“Lo sport rappresenta una realtà quotidiana per la stragrande maggioranza delle famiglie italiane. Persone di ogni fascia d’età, dai giovanissimi ai più anziani, scelgono la pratica sportiva diretta e questo è un segnale fortemente positivo, perché come tutti sanno il movimento aiuta a condurre una vita sana e allontana i più giovani da devianze sociali come la droga e il bullismo. Il compito delle Istituzioni è dunque quello d’incoraggiare la pratica sportiva per valorizzare ulteriormente l’aggregazione, la socialità e la salute. Il Comune di Roma s’impegna attivamente nella promozione sportiva e promuovere lo sport significa sostenere l’attività di base; un esempio chiaro in tal senso può essere individuato nella “Giornata dello Sport” che abbiamo celebrato recentemente, ma anche organizzare grandi eventi, come ad esempio i mondiali di nuoto.

Si parla sempre di più di impianti sportivi: quale deve essere il ruolo della politica sul tema?
Uno degli obiettivi della giunta capitolina è quello di realizzare impianti sportivi che siano idonei e sicuri, rendendo lo sport un “modus vivendi” per le generazioni di oggi e quelle di domani. La politica ha il compito d’intervenire in questo campo, favorendo e incoraggiando la pratica sportiva di tutti: non bisogna dimenticare che lo sport di alto livello si concilia in piena armonia con lo sport amatoriale e riesce a creare quella sinergia che vede coinvolti molti cittadini romani all’insegna di «Roma Capitale dello Sport», con un occhio attento all’aspetto sociale”.

Parliamo di un argomento di grande attualità che interessa da vicino il mondo dei frequentatori dello stadio. Che ne pensa della Tessera del Tifoso?
“La gente è quanto di più importante ci sia nel variegato mondo del calcio. Uno sport bello, con grandi interessi economici, con le Tv che con le loro mille telecamere rendono interessante e preziosa ogni fase di gioco; ma cosa sarebbe tutto ciò senza le suggestioni, le scenografie e la passione del pubblico che continua a rappresentare la parte più bella, romantica e sana di questo sport, troppo spesso infangato da ben altre questioni? In più occorre rilevare che le statistiche sulla violenza negli stadi segnano una parabola discendente anche grazie alla maturità della stragrande maggioranza dei supporters. Una lunga premessa, la mia, quasi uno sfogo… Cosa penso della tessera del tifoso? Che le istituzioni devono essere disposte ad analizzare anche i suggerimenti che emergono dal mondo sano della tifoseria, interessata e protagonista di questa realtà. Inoltre è secondo me da sottolineare la proposta di variazione ad alcuni articoli che è stata fatta dai deputati Barbaro – Frassinetti, per scongiurare che la “tessera del tifoso” alla lunga possa rivelarsi uno strumento che allontana ulteriormente appassionati e giovanissimi dagli spalti, piuttosto che avvicinarli. E uno stadio vuoto, oltre a non convenire a nessuno, sarebbe l’emblema di un calcio romantico che non c’è più”.

Olimpiadi e Formula uno. A che punto siamo?
“Ormai si parla da molto tempo della Formula uno e delle Olimpiadi. Possiamo dire che il Gran Premio è avallato dal Sindaco ed è in via di definizione: si stanno snocciolando i dettagli per non lasciare nulla al caso e per avere un atteggiamento vigile nei confronti delle problematiche ambientali e della comunità cittadina. Le Olimpiadi sono un sogno che vogliamo trasformare in realtà da lungo tempo e speriamo di riuscirci. Come ha detto il Presidente del CONI, Gianni Petrucci, la nostra candidatura ha tutte le carte in regola per essere presa in considerazione e trovare una concretizzazione. Le peculiarità proprie della nostra capitale ci danno la possibilità di concorrere con le altre città che si proporranno per il 2020. Roma ha dimostrato pienamente la sua capacità di accoglienza e supporto ai grandi eventi, guadagnandosi il plauso della comunità internazionale in occasione ad esempio della Finale della Champions League di calcio e dei Mondiali di Nuoto. Dobbiamo continuare su questa strada perché è quella giusta per riportare i Giochi Olimpici in Italia e a Roma”.

Quali sono i prossimi appuntamenti ai quali è chiamata la città di Roma?
“Roma è sempre più impegnata nello sport; sono previsti grandi eventi come i prossimi Mondiali di Volley che si terranno nel 2010 e che si aggiungono alle manifestazioni agonistiche entrate ormai nella tradizione della nostra città, come il Sei Nazioni di Rugby, il concorso ippico di Piazza di Siena o gli Internazionali di Tennis, solo per citarne alcuni. Inoltre ci sono tantissime iniziative dedicate allo sport di base. Ci prepariamo inoltre ai grandi eventi per i 50 anni delle Olimpiadi di Roma, che saranno il fiore all’occhiello del 2010 capitolino sportivo”.

 

di Maurizio Massari

14 Aprile 2010  •   Ponte Milvio Magazine Magazine  •   0
 
Contattaci
Redazione:

Viale Carso 57, 00195 Roma
Mail: rivista-pontemilvio@tiscali.it

Ufficio commerciale:

Mail: immediately@immediately.it
Telefono 347 5856368

Newsletter

Periodico telematico. Autorizzazione tribunale di Roma n. 124/2008 del 02/03/2008
Società proprietaria ed editrice Immediately Srl, via C. Ferrero di Cambiano n. 82 Roma - P.IVA 06003611008
Provider Aruba SpA, via Garibaldi n. 8 Soci (Ar)

Web Agency Roma - Privacy Policy