01 • novembre • 2020

Breaking News:

Gennaro Calabrese

Calabrese di nome e di fatto: sei nato e cresciuto a Reggio Calabria, come è stato il tuo impatto con una città grande come Roma?

Beh non è’ stato  proprio come Toto’ e Peppino arrivati a Milano, ma comunque qualche difficoltà l’ho vissuta, soprattutto a livello psicologico… A Reggio quando uscivo di casa per una passeggiata salutavo molta pù’ gente, qui non mi si fila nessuno

Le leggende metropolitane parlano di te che, bimbetto, giravi per casa imitando la voce dei personaggi televisivi. In realtà quando ti sei reso conto davvero della tua grande dote vocale?

Già a 4 anni facevo gli scherzi telefonici ai nonni fingendomi Mike Bongiorno. “Signora è stata sorteggiata per partecipare a telemike, è contenta ?”. Ovviamente non ci cascavano.

Comunque sia, dopo esserti diplomato al liceo classico e laureato in giurisprudenza hai deciso di seguire la tua vena artistica: ne avrai parlato in famiglia; quale è stata la reazione dei tuoi genitori?

La loro sorpresa in realtà fu quando decisi di iscrivermi all’università. A parte le battute, fortunatamente ho una famiglia che ha sempre ascoltato le esigenze dei figli.

Nella tua carriera hai interpretato decine e decine di personaggi ma ce ne è uno che ami particolarmente?

Come dire .. il primo amore non si scorda mai. Toto’ fu il primo personaggio che imitai, e ancora oggi quando nel mio spettacolo apro la pagina degli “omaggi”, provo sempre una grande emozione nel “vestire” i suoi panni.

Ti è sicuramente capitato di esibirti davanti ad uno dei personaggi imitati: come ha reagito? E’ capitato spesso. Ricordo una volta in teatro con Luca Giurato. La mia paura non era che potesse offendersi per l’imitazione in sé, quanto per la reazione divertita che avrebbe avuto il pubblico. Lui mostrò in quel caso, una delle qualità migliori dell’uomo: l’autoironia.

Qualcuno si è mai lamentato della tua interpretazione?

Forse una volta in un programma locale a Reggio Calabria. Un politico pare che non gradì, almeno così mi fu riferito. Quando però, dopo qualche giorno, si accorse che era diventato famoso e  riconoscibile in tutta la città, l’accetto’ di buon grado.

Le esibizioni avvengono indifferentemente in teatro, in televisione ed in radio: quale di questi tre ambiti, assolutamente diversi tra loro, preferisci?

Ciascuno ha il suo fascino e la sua valenza. Il Teatro ti forma e ti carica di passione, la tv ti rende popolare, la Radio ti rende libero.

“Area 51” e “Gli Sgommati” sono due delle più recenti trasmissioni in cui ti sei ampiamente espresso: esperienze che si replicheranno?

Gli sgommati sono già una realtà concreta. Area 51  spero lo diventi presto. Accanto a queste mi va di ricordare che tra poco avrà inizio anche la quarta serie di una sit com dal titolo “Reality La strana famiglia”, di cui sono ideatore, autore e protagonista,  in onda su tutte le più’ importanti tv locali D’Italia e sulla piattaforma Sky. Qui propongo i miei personaggi alle prese con la quotidianità.

Dopo l’enorme successo riscosso la scorsa primavera al fianco di Antonello Costa nello spettacolo “Costa Crociere 2” in cui imitavi consecutivamente circa 70 diversi personaggi e un’ estate ricca di appuntamenti in tutte le piazze italiane, come chiuderai l’anno?

Dal 29 novembre al 4 dicembre parteciperò alla Prima Edizione della Rassegna “DOPPIOCOMICO”, in scena al Teatro Anfitrione, coprodotta dalla B&G e dalla ITS Spettacoli. Con la nuova chiave di spettacolo proposta nel titolo“Una polemica, mille voci”, duetterò con Alessandro Serra mettendo a confronto le voci dei cosiddetti personaggi famosi con quella della gente comune, sottolineata per l’appunto dall’ironia che caratterizza il mio collega.

Mai pensato al cinema?

Io  si che c’ho pensato. Spero  ci sia presto l’occasione che il cinema pensi a me.

A questo punto una domanda assolutamente d’obbligo: c’è una voce che vorresti ma che ancora non sei riuscito ad imitare?

La voce che vorrei imitare più’ di tutte sarà quella che non riuscirò mai ad imitare.

 

di Marina Volpi

21 Novembre 2011  •   Davide   •   0
 
Contattaci
Redazione:

Viale Carso 57, 00195 Roma
Mail: rivista-pontemilvio@tiscali.it

Ufficio commerciale:

Mail: immediately@immediately.it
Telefono 347 5856368

Newsletter

Periodico telematico. Autorizzazione tribunale di Roma n. 124/2008 del 02/03/2008
Società proprietaria ed editrice Immediately Srl, via C. Ferrero di Cambiano n. 82 Roma - P.IVA 06003611008
Provider Aruba SpA, via Garibaldi n. 8 Soci (Ar)

Web Agency Roma - Privacy Policy