28 • novembre • 2020

Breaking News:

Gente di Roma

Ed anche questi, per le regole della tradizione, sarebbero romani sui generis perché il romano autentico dovrebbe avere un pedigree di sette generazioni. Ma questa è una fauna estinta, perdutasi nell’osmosi generata dalle immigrazioni.

I romani de Roma, dunque, quelli che hanno conservato la dominante comune del carattere del principe, del borghese, del popolano romano, sono veramente pochi. Da Belli a Pascarella, da Trilussa a Ceccarius, profondi conoscitori del popolo capitolino, l’indole del romano viene fuori dalla stessa matrice, con un’unica faccia. Buoni, cordiali, generosi; hanno il dono di non creare imbarazzi e mettere tutti a proprio agio.
Nemici patologici del fanatismo, degli arrivismi nevrotici, dello zelo bacchettone, sanno distruggere la boria ed i boriosi con aggettivi semplici ma corrosivi come il vetriolo. Non c’è compagnia di teatro o produttore cinematografico che non tema seriamente una prima sulla piazza di Roma. La calma e la riflessione, la poca o nulla disponibilità dei romani all’esaltazione o ai facili entusiasmi, li rendono spettatori scomodi e dissacranti.

A Roma e ai romani, lo abbiamo già scritto, non piace drammatizzare come, forse per latitudine, accade nel resto della penisola. Con l’ironia ed un innato senso del giusto e dell’esistenza quotidiana, il romano vero smonta, semplifica, svuota con poche osservazioni un avvenimento gonfiato di retorica, un ragionamento barocco, un atteggiamento divergente dai semplici valori della vita. Un temperamento che, da nord al sud d’Italia, lo espone da sempre a critiche feroci ed a disinvolte etichettature. Per chi non li conosce, non vuole o non li sa comprendere, i romani sono pigri, apatici, sguaiati, rumorosi. Non si perdona loro, insomma, quell’inimicizia per il formalismo superficiale e fesso della società a cui i più non sono in grado di rinunciare. Non gli si perdona quella spontanea disposizione di sentirsi pari con tutti e più ancora di saper essere sinceramente se stessi, liberi da faticose sovrastrutture.
Ma questo poi non è che il carattere di Roma che solo un romano di sangue può ricevere e assimilare. Un altro regalo di questa città ai suoi figli più antichi.

 


di Gian Carlo Menchinelli

15 Aprile 2010  •   Ponte Milvio Magazine Magazine  •   0
 
Contattaci
Redazione:

Viale Carso 57, 00195 Roma
Mail: rivista-pontemilvio@tiscali.it

Ufficio commerciale:

Mail: immediately@immediately.it
Telefono 347 5856368

Newsletter

Periodico telematico. Autorizzazione tribunale di Roma n. 124/2008 del 02/03/2008
Società proprietaria ed editrice Immediately Srl, via C. Ferrero di Cambiano n. 82 Roma - P.IVA 06003611008
Provider Aruba SpA, via Garibaldi n. 8 Soci (Ar)

Web Agency Roma - Privacy Policy