23 • ottobre • 2020

Breaking News:

Nicola Zingaretti: capacità e determinazione

 

 

 

 

 

Grazie a tutti per quello che avete fatto, non ho vinto io, ma noi, una squadra bellissima”. È stata questa la prima dichiarazione da Presidente della Provincia di Nicola Zingaretti appena eletto nel mese di aprile del 2008, pochi giorni dopo il 21, festa del Natale di Roma. Rigore e passione politica esercitata fin da giovanissimo, sono i tratti distintivi del quarantacinquenne Presidente il cui motto è: “Le istituzioni non sono di parte”. Domandiamo al Presidente della Provincia un primo sintetico bilancio del suo mandato in una provincia come la nostra oberata da varie problematiche, ricordando che nell’anno appena trascorso ha festeggiato i suoi 140 anni di storia.

Presidente, il suo ufficio da sempre è molto attento a informare sulle attività svolte e su quelle in fase di attuazione. Sono ancora molti, tuttavia, i cittadini non al corrente. Che cosa può fare la Provincia (e più in generale la Pubblica Amministrazione) per far sì che gli abitanti del territorio siano più consapevoli?

La trasparenza e il contatto diretto con i cittadini sono fondamentali, perché tutti devono sapere qual è l’attività delle istituzioni per il territorio, essere informati in tempo reale sull’attività amministrativa. Per questo abbiamo realizzato una serie di strumenti, dal nuovo portale istituzionale della Provincia di Roma, che da alcuni mesi ospita anche il nuovo URP online, ad altri più informali, come la newsletter Provinz che consente di essere informati settimanalmente sulle attività della nostra amministrazione.

Il quotidiano La Repubblica li ha definiti esercito fantasma. Sono i nuovi clochard e tra loro tanti minori. Che cosa si può fare per arginare questo dramma sociale?

Assistere le persone senza fissa dimora è una priorità, perché da una parte la crisi economica sta rendendo più difficili le condizioni di vita di queste persone, e dall’altra le associazioni impegnate in questo campo si trovano di fronte a grandi difficoltà. Gli studi più recenti parlano di circa 24 mila persone che versano in queste condizioni soltanto a Roma, di cui l’84% sarebbero stranieri. Nei limiti delle nostre competenze siamo in prima linea per dare sostegno alle associazioni ed essere sempre recettivi nei confronti delle loro richieste, perché riteniamo che sia un preciso dovere istituzionale fare fronte a queste emergenze.

Secondo i dati Eurispes (1) relativi all’anno 2009, il tasso di disoccupazione nel Lazio è all’8,9%. In merito a questo problema Lei ha recentemente dichiarato che “le istituzioni devono semplificare”. Ci può chiarire questo concetto e che cosa può fare, inoltre, la Provincia per sostenere le piccole e medie imprese del Lazio in un momento difficile come quello attuale?

L’esempio migliore di semplificazione è probabilmente uno dei nostri progetti di punta per il 2011, Porta Futuro, struttura che aprirà entro maggio negli spazi del “Nuovo Mercato Testaccio” per creare una realtà innovativa di orientamento al lavoro, formazione e crescita professionale. Il cuore del sistema sarà un software innovativo focalizzato sulle esigenze del territorio provinciale, per connettersi con le altre banche-dati istituzionali e consentire un matching in tempo reale fra domanda e offerta. Un progetto rivolto a tutte le fasce d’età, dagli studenti (14-16 anni) agli over 45.

In merito al Federalismo fiscale, ritiene che come si sta delineando possa essere positivo o negativo per le amministrazioni locali e per i cittadini?

Il federalismo può essere una grande opportunità, ma la condizione, finora più evocata che praticata, è che ci dia l’occasione di ridisegnare l’impalcatura dei processi burocratici evitando ogni sovrapposizione di competenze. Il sogno è di arrivare a fare conferenze di servizi non con 12 persone, ma con 4 o cinque. L’obiettivo è di condividere, tra enti locali, un’idea di sviluppo del territorio, sciogliendo due nodi: essere più sistema e migliorare la qualità dei servizi alle persone e alle imprese, mettendo insieme le forze.

 

Per evitare che l’emergenza rifiuti non si trasferisca da Napoli a Roma, quali sono i nuovi progetti in atto presso la Provincia?

Abbiamo l’obiettivo di raggiungere un milione di persone che fanno la raccolta differenziata entro il 2012, e stiamo rispettando con precisione la nostra tabella di marcia, avendo destinato a questo scopo più di 24 milioni di euro per 56 Comuni dal 2008 a oggi. Le politiche di programmazione su questi temi spettano alla Regione, e da lì dovrà venire un nuovo impulso per impedire qualunque emergenza e superare per sempre, anche nella Capitale, la logica delle discariche.

In un mondo sempre più lanciato verso nuove tecniche di comunicazione, come si colloca il progetto Provincia Wi-Fi?

Le nuove tecnologie sono uno strumento fondamentale per rimanere al passo con i tempi. Come amministrazione vogliamo fare il massimo per fornire a tutti la possibilità di accesso veloce e gratuito alla rete. Grazie al progetto Provincia Wi-Fi è possibile navigare in internet senza fili gratis: basta trovarsi nel raggio 100/150 metri circa da un hot-spot, l’area di copertura del segnale.  Fino a oggi abbiamo rispettato l’impegno ad attivare più di 500 hot-spot, mentre gli iscritti a Provincia wi-fi sono oltre 55.400. Si tratta del più imponente progetto in Italia per la diffusione del wi-fi. Tant’è che dal nostro progetto è ora nata Free Italia Wi-Fi, Federazione nazionale delle reti wi-fi pubbliche, cui hanno aderito già la Regione Sardegna e il Comune di Venezia, e presto aderiranno altre Province come Torino, Firenze, Potenza, Pesaro e Prato.

Quali sono gli obiettivi da raggiungere per far sì che la nostra città vinca la candidatura alle Olimpiadi del 2020?

Credo che le Olimpiadi siano una grande occasione per la Capitale e per tutto il nostro territorio. Dobbiamo lavorare perché si affermino trasparenza e concretezza. Io vedo il laboratorio delle Olimpiadi di Roma come una casa di vetro, per dimostrare che si possono fare molte opere pubbliche, nella massima trasparenza, e dando garanzie ai cittadini che i Giochi saranno un’opportunità per migliorare la vita di tutti, e non solo per far fare affari a qualcuno.

(1) Istituto privato di studi politici, economici e sociali.

 

Alessandra Stoppini

 

 

 

24 Marzo 2011  •   Davide   •   0
 
Contattaci
Redazione:

Viale Carso 57, 00195 Roma
Mail: rivista-pontemilvio@tiscali.it

Ufficio commerciale:

Mail: immediately@immediately.it
Telefono 347 5856368

Newsletter

Periodico telematico. Autorizzazione tribunale di Roma n. 124/2008 del 02/03/2008
Società proprietaria ed editrice Immediately Srl, via C. Ferrero di Cambiano n. 82 Roma - P.IVA 06003611008
Provider Aruba SpA, via Garibaldi n. 8 Soci (Ar)

Web Agency Roma - Privacy Policy