06 • marzo • 2021

Breaking News:

Un libro per l’estate

Ma prima di partire ricordatevi di mettere in valigia o nel vostro zaino un buon libro o magari anche due…
ROMANZI
Molte sono le scrittrici iraniane che si sono affacciate alla ribalta letteraria, come Chahdortt Djavann con “La muta” (Bompiani). Titolo emblematico, considerata la condizione nella quale sono costrette a vivere le donne in Iran dove il fondamentalismo religioso la fa da padrone. Fatemah ricorda la zia “la muta”, perché aveva scelto il silenzio, uccisa sulla pubblica piazza perché colpevole di aver fatto l’amore con un uomo mentre era stata già promessa sposa ad un altro, un mullah. Fatemah, 15 anni, è costretta a sposare lo stesso mullah. Il suo è un grido di dolore, testimonianza dolorosa della condizione femminile in un paese le cui drammatiche cronache recenti hanno portato alla ribalta. “Brooklin” di Colm Toibin (Bompiani). Un altro grande libro di questo autore irlandese che narra la storia di Ellis Lacey costretta ad emigrare dall’Irlanda degli anni Cinquanta in America alla ricerca di una vita migliore. Cosa le riserverà il destino? La Sicilia con i suoi profumi e la sua luce prende forme ne “Il conto delle minne” di Giuseppina Torregrossa. Mentre nonna Agata prepara le “minne” i dolci in onore di Santa Agata, la nipotina che porta il suo stesso nome, ascolta i consigli, i proverbi e la storia di due famiglie. Il “cuntu”, il racconto è scandito dagli aromi di cioccolato e ricotta che servono per la preparazione delle cassatelle. La malattia, dramma che sconvolge una famiglia americana, è la protagonista de “La condizione” di Jennifer Haigh, Mondadori. A metà degli anni ‘70, durante una vacanza estiva nella casa di famiglia a Cape Code il biologo molecolare Frank McKotch scopre che la propria figlia tredicenne Gwenn ha qualcosa che non va, ha un aspetto troppo infantile. Il tragico sospetto si rivelerà esatto. Da allora tutto cambierà nelle loro vite, la famiglia andrà in pezzi. Impossibile non appassionarsi per lo stile della scrittrice che ha saputo realizzare una moderna tragedia classica. Con “Stabat Mater”, lo scrittore veneziano Tiziano Scarpa ha vinto il 63esimo Premio Strega 2009. Storia di una pagina della vita del compositore e violinista italiano Antonio Vivaldi e della sua allieva preferita Cecilia.

GIALLI
Per tutti i lettori appassionati di gialli di ambientazione inglese dove il colpevole viene scoperto dal poliziotto di turno scavando nella psicologia degli indiziati, segnaliamo “La paziente privata” della Dame Crime Phyllis Dorothy James, edito da Mondadori. Un nuovo caso per il celebre ed intellettuale (il suo hobby è scrivere poesie) investigatore Adam Dagliesh. Rhoda Gradwyn, una famosa giornalista investigativa dal difficile passato è stata uccisa. Al colto e raffinato Adam il compito di sbrogliare la difficile matassa nel panorama romantico del Dorset che fa da contrasto con le passioni e gli odi violenti che animano il romanzo. P. D. James, insignita dalla Regina Elisabetta del titolo di baronetto ed eletta alla Camera dei Lord viene riconosciuta come la più grande autrice vivente di detective fiction. È uscito da poco e ed è subito svettato in testa alle classifiche di vendita. Di chi parliamo se non de “La danza del gabbiano” di Andrea Camilleri. Il Commissario Salvo Montalbano, ormai più che cinquantenne reduce dall’ennesima azzuffatina con la storica fidanzata Livia è in crisi profonda: Fazio, uno dei suoi più fedeli collaboratori ed alter ego, è misteriosamente scomparso e si teme per la sua vita. Ennesima prova di maestria dello scrittore siciliano che descrive la sua terra con colori vividi come in un dipinto di Guttuso.

SAGGISTICA
A tre anni dal successo internazionale di “Gomorra” torna il forte impegno civile di Roberto Saviano con “La bellezza e l’inferno”. Venticinque scritti pubblicati negli ultimi anni da questo giovane e coraggioso giornalista italiano il quale a causa delle sue opere si trova costretto a non poter vivere liberamente e quindi perennemente sotto scorta a causa di continue minacce e lettere minatorie. Enrico Franceschini “Voglio l’America”. Il corrispondente da Londra de il quotidiano “La Repubblica” ci racconta il suo “American dream” iniziato negli anni ’80 quando, con solo un borsone rosso a tracolla, una macchina per scrivere e 1000 dollari in tasca, sbarcò nel nuovo mondo a New York, con in testa un solo sogno diventare giornalista. Libro divertente ed educativo con un imperativo di sottofondo: mai abbandonare la speranza di farcela se si crede profondamente in qualcosa. A ventitre anni dalla sua prima uscita viene ristampato “La sera andavamo a Via Veneto” di Eugenio Scalfari. Sempre attuale narrazione delle esperienze dei liberals italiani, giornalisti, artisti, scrittori, riuniti intorno al settimanale “Il Mondo” di Pannunzio, i quali (correva l’anno 1950) si ritrovavano tutte le sere al Caffè Rosati di Roma. Come eravamo e viaggio nella memoria collettiva di un paese tra desideri e speranze dove il fondatore de “La Repubblica” rievoca personaggi come Mario Pannunzio, Arrigo Benedetti, Ugo La Malfa, Camilla Cederna, Adriano Olivetti. Ne “I segreti di Karol Woityla” di Antonio Socci (Rizzoli editore) il giornalista ci illustra, grazie alle testimonianze del Cardinale Andrzej Maria Dreskur, amico e compagno di seminario di Giovanni Paolo II, le esperienze mistiche di questo grande Papa. I suoi rapporti con Padre Pio e la Santa Suor Faustina Kowalska. Vengono messi in risalto i grandi enigmi e i segni soprannaturali che hanno segnato un pontificato straordinario. Inedita rilettura della figura di Woityla.

di Alessandra Stoppini

14 Aprile 2010  •   Ponte Milvio Magazine Magazine  •   0
 
Contattaci
Redazione:

Viale Carso 57, 00195 Roma
Mail: rivista-pontemilvio@tiscali.it

Ufficio commerciale:

Mail: immediately@immediately.it
Telefono 347 5856368

Newsletter

Periodico telematico. Autorizzazione tribunale di Roma n. 124/2008 del 02/03/2008
Società proprietaria ed editrice Immediately Srl, via C. Ferrero di Cambiano n. 82 Roma - P.IVA 06003611008
Provider Aruba SpA, via Garibaldi n. 8 Soci (Ar)

Web Agency Roma - Privacy Policy